Mer. Ott 21st, 2020

La figura dell’innovation manager è stata prevista nella legge di bilancio 2019, sono stati previsti a questo scopo circa 75 milioni di euro per gli anni 2019, 2020 e 2021.

Nello specifico, per micro imprese, PMI e reti di impresa (fino ad un massimo di 3 imprese) ci sono 25 milioni di euro l’anno per tre anni per dotarsi di un Innovation Manager (che sia un professionista libero o collegato ad una società di consulenza non ha importanza) da cui ricevere prestazioni mediante un contratto di almeno nove mesi per attuare una trasformazione digitale nell’ambito di diversi settori strategici, quali industria 4.0, big data, cloud, cybersec , AR/VR, robotica, interfaccia uomo-macchina, etc..(qui l’elenco completo dal sito del MISE).

Sigma sei ha accreditato quale Innovation manager Paolo Polverosi (MISE Elenco manager qualificati Domanda VIM-MQ_00001500 del 30.09.19).

Le competenze e esperienze dell’Innovation manager possono essere così utilizzate dalle PMI clienti, avvalendosi del voucher innovazione del Ministero dello Sviluppo Economico per :

– Integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali (anche sistemi di gestione certificati);

– Programmi di open innovation;

– Applicazione di nuovi metodi organizzativi nelle pratiche commerciali, nelle strategie di gestione aziendale, nelle strategie di gestione aziendale;

– Avvio di percorsi finalizza all’apertura del capitale di rischio a investitori indipendenti specializzati nel private equity o nel venture capital, all’utilizzo di nuovi strumenti di finanza digitale.  

#openinnovation #digital #privatequity #strategia #certificazioneavanzata #finanzaagevolata #voucher #voucherinnovazione #MISE #PMI #consulenza #organizzazione #CIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: